Passa ai contenuti principali

RECENSIONE #9 - Gente di Dublino, James Joyce




AUTORE: James Joyce 
CASA EDITRICEMondadori
PREZZO: 7,65€ 

RECENSIONE

Gente di Dublino è una raccolta di racconti, quindici per l’esattezza, scritti da James Joyce dal 1914 al 1917.

Tre anni per scrivere dei racconti e due settimane circa, per me, per inveire amabilmente nei confronti del caro vecchio James.


Devo ammettere che leggere questo libro è stato particolarmente impegnativo poiché sono, da sempre, abituata a divorare romanzi con un finale e/o un ragionamento logico.

Molti – e li ringrazio vivamente per la dritta – mi hanno suggerito di non aspettarmi nulla dallo scrittore irlandese e di lasciarlo raccontare . E così ho fatto!

Cento metri e si imbatte nella ragazza che vuol scappare alla ricerca di una vita dignitosa ma, al tempo stesso, non vuol lasciare il padre ed i fratelli. Due passi ancora e due ragazzi hanno appena saltato la scuola. Cammina ancora e una moglie ansiosa aspetta sull'uscio il marito che si è consolato con l’alcool.

E fu così che, improvvisamente, Gente di Dublino sveste i panni del libro e si trasforma in passeggiata e in un continuo sostare davanti le altrui finestre e vite.

Una cosa, però, accomuna i personaggi ed è questo alone di sofferenza e tristezza che si trascinano dietro come fosse un pesante sacco.

Tra tutti e quindici i racconti, uno mi ha particolarmente affascinato: “I morti”. Il quindicesimo racconto narra di due zie, amanti delle public relations, della buona tavola e della buona musica, che attendono con trepidazione l’arrivo del nipote prediletto insieme alla moglie.

Nonostante ciò, questo non basta e mi fa desistere dal dare una seconda possibilità allo scrittore.

Secondo alcune mie ricerche, quaranta sono stati i rifiuti da parte delle case editrici. In sintesi, tutto si può dire di Joyce tranne che non sia stato determinato.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE #11 - L'età dell'innocenza, EDITH WHARTON

Titolo: L'età dell'innocenza Autore: Edith Wharton Casa editrice: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Prima di iniziare a blaterare sull'ultimo libro da me letto, ci tengo a precisare che non sono una critica letteraria. Amo leggere e mi limito a commentare i libri che ho letto in maniera talvolta ironica, tutto qua.

Ma torniamo alla recensione…

DOPPIA RECENSIONE: Slammed (Colleen Hoover) + La regina degli scacchi (Walter Tevis)

L’abbondanza non ha mai fatto carestia, recita un famoso proverbio siculo. Di conseguenza, oggi, doppia recensione! Non vedevate l’ora, eh? Eh lo so, nemmeno io… Chissà dove ho lasciato gli occhiali!
Buffonata a parte, oggi vi voglio veramente parlare di due libri: uno è “La regina degli scacchi” di Walter Tevis, edito da minimum fax e l’altro invece è “Slammed” (in italiano, “Tutto ciò che sappiamo dell’amore”) di Colleen Hoover, edito da Simon and Schuster (Fabbri, per quanto riguarda l’edizione italiana).