Passa ai contenuti principali

RECENSIONE #10 - Seduzione deliziosa, Tara Sivec





AUTORE: Tara Sivec

CASA EDITRICE: Leggereditore


RECENSIONE

Questo libro ha come protagonista una madre single: Claire Morgan.

Penso di aver letto, per la prima volta, di una donna consapevole delle proprie azioni. Claire, infatti, rimane incinta ad una festa universitaria.

Una sorta di Jennifer Lindley, per gli estimatori di Dawson’s creek.

La ragazza però, a differenza della protagonista della conosciuta serie tv americana, non muore a causa di una malattia, bensì rivoluziona la sua intera vita: molla l’università e si trasferisce dal genitore col quale conserva un buon rapporto, il padre. Trova lavoro in un bar della cittadina, non dimenticandosi di coltivare l’amicizia con la matta e senza peli sulla lingua Liz, la sua passione per il cioccolato e quella per il padre – del quale conosceremo l’identità soltanto dopo svariati capitoli – del piccolo Gavin.

Ho apprezzato parecchio questo suo non lagnarsi ogni 3x2 della sua gravidanza, inizialmente, indesiderata. Nessun post sui social network, nessun investigatore privato alle calcagna, nessuna spedizione punitiva.

La protagonista, infatti, ha tirato fuori quella che molte ragazze (me compresa), a volte, scordano di avere: la dignità.

La scrittrice americana, Tara Sivec, usando un linguaggio divertente e alla portata di tutte/i, ricorda quanto faticoso può essere portare in grembo prima e crescere un figlio poi (soprattutto se si il pupo in questione si chiama Gavin Morgan del quale, son sicura, vi innamorate alla prima parolaccia parola) e che non è tutto rose e fiori, post su Instagram, vestitini rosa o azzurri, come vogliono farci credere alcune mamme “televisive”.

Come dico sempre: con l’istinto materno non si nasce!

Sto cercando dei motivi, secondo i quali, leggere un romanzo riflessivo e, al tempo stesso divertente, sia vietato ma non mi viene in mente nulla.

E poi, come si fa dire di no ad un libro, che inizia con:



“Ciao, mi chiamo Claire Morgan e non desidero avere figli.
Per tutte le donne che la pensano come me:
è solo una mia impressione o sembra anche a voi
di trovarvi a un incontro degli Alcolisti anonimi,
ogni volta che qualcuno scopre che non volete un bambino?”

Commenti

  1. Ciao :) molto bella la tua recensione e molto interessante anche il libro ( credo che lo leggerò presto )
    Mi piace molto ce hai descritto la storia di questa gravidanza! Anche io sono alla ricerca di libri non troppo costruiti! Credo che questo faccia proprio a caso mio :)
    Anche io ho un blog se hai voglia di farci un salto sei la benvenuta:)
    Baci ^_^ https://mandorlibri.blogspot.it/?m=1

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE #11 - L'età dell'innocenza, EDITH WHARTON

Titolo: L'età dell'innocenza Autore: Edith Wharton Casa editrice: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Prima di iniziare a blaterare sull'ultimo libro da me letto, ci tengo a precisare che non sono una critica letteraria. Amo leggere e mi limito a commentare i libri che ho letto in maniera talvolta ironica, tutto qua.

Ma torniamo alla recensione…

DOPPIA RECENSIONE: Slammed (Colleen Hoover) + La regina degli scacchi (Walter Tevis)

L’abbondanza non ha mai fatto carestia, recita un famoso proverbio siculo. Di conseguenza, oggi, doppia recensione! Non vedevate l’ora, eh? Eh lo so, nemmeno io… Chissà dove ho lasciato gli occhiali!
Buffonata a parte, oggi vi voglio veramente parlare di due libri: uno è “La regina degli scacchi” di Walter Tevis, edito da minimum fax e l’altro invece è “Slammed” (in italiano, “Tutto ciò che sappiamo dell’amore”) di Colleen Hoover, edito da Simon and Schuster (Fabbri, per quanto riguarda l’edizione italiana).

RECENSIONE #9 - Gente di Dublino, James Joyce

TITOLO: Gente di Dublino AUTORE: James Joyce 
CASA EDITRICE: Mondadori PREZZO: 7,65€ 
RECENSIONE
Gente di Dublino è una raccolta di racconti, quindici per l’esattezza, scritti da James Joyce dal 1914 al 1917.
Tre anni per scrivere dei racconti e due settimane circa, per me, per inveire amabilmente nei confronti del caro vecchio James.