Passa ai contenuti principali

Vaneggiamenti da lettori #4

Sono tornaaaaata!
Ogni tanto faccio le apparizioni che Madonna di Lourdes, scansati proprio.

La situazione, rispetto al post precedente, non è poi cambiata granché.

Continuo a lavorare, a conti fatti, più di prima ed a ricevere sempre lo stesso misero compenso. Insomma, tutto nella norma!

Di nuovo c'è ben poca cosa, escludendo l'acquisto di un Tablet preso - a senso mio - per leggere di più.

Mi son detta: Cristina, adesso non hai più scuse! Adesso non puoi più dire "non porto libri in borsa perché pesano troppo"! Adesso, con l'aiuto degli (AMANTI DELLA CARTA, COPRITEVI GLI OCCHI!!!) e-book, leggerò di più!

Morale della favola? Uso il Tablet per fare di tutto... tranne leggere!

Tutto questo intro per dire, però, che presto riproverò ad usarlo per l'obiettivo che mi ero prefissata al momento dell'acquisto.

Vi starete chiedendo sicuramente perché o cos'è cambiato... O se non ve lo steste (è italiano, vero?) chiedendo, beh, fatelo!
Tutto è nato da un sogno che feci qualche notte fa: probabilmente ne hanno parlato talmente tanti che il mio cervello, tra una grana di lavoro e l'altra, l'ha immagazzinato...
Non ricordo bene dove mi trovassi ma ricordo limpidamente titolo ed autore del libro in questione: si trattava, infatti, di "Canto della pianura" di Kent Haruf, edito da NNeditore.

Lo avevo in wishlist da tempo, sicché mi è sembrato subito uno di quei sogni premonitori che faceva la cara vecchia Phoebe Halliwell, protagonista di Streghe, un telefilm andato in onda giusto qualche anno fa.
Non solo lo avevo in lista da lustri (ahahah, che fantasmagorico gioco di parole! Che simpatica che so-NO!) è, guarda caso, il primo della trilogia!

Insomma, solo note positive per questo libro!

Detto ciò non ho più scusanti: corro a (AMANTI DELLA CARTA?! LE MANI SUGLI OCCHI!!!) scaricarlo e leggerlo.

Che sia la volta buona?

A presto!

Commenti

  1. Mamma mia! Sono morta dal ridere! Hai dei tempi comici fenomenali! Da amante della carta, poi, ti ringrazio moltissimo per l'attenzione che ci hai dedicato. Io però sono sempre per la teoria "combatti per cose importanti" e la diatriba kindle/carta mi sembra non sia esattamente da torcia e forconi! Spero che il tablet ti dia lo slancio che ti serve per immergerti nella lettura a cuor (e borsa) leggero (mamma mia... fingi che non abbia scritto questo obbrobrio finale!) Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai vaneggiando anche tu! Ottimo! Ahahah
      Grazie per la nomination del Liebster Award.❤

      Elimina
  2. Ciao Cri!
    Ti ho nominata per il Liebster Award 2017. È un riconoscimento "a catena" per i blog sotto i 200 follower. Se ti va di partecipare passa a dare un'occhiata: https://alparadisodeilibri.blogspot.it/2017/08/liebster-award-2017.html
    Baci,
    Piera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!🙋
      Grazie anche a te per la nomination. Troppo buona!❤

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE #11 - L'età dell'innocenza, EDITH WHARTON

Titolo: L'età dell'innocenza Autore: Edith Wharton Casa editrice: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Prima di iniziare a blaterare sull'ultimo libro da me letto, ci tengo a precisare che non sono una critica letteraria. Amo leggere e mi limito a commentare i libri che ho letto in maniera talvolta ironica, tutto qua.

Ma torniamo alla recensione…

DOPPIA RECENSIONE: Slammed (Colleen Hoover) + La regina degli scacchi (Walter Tevis)

L’abbondanza non ha mai fatto carestia, recita un famoso proverbio siculo. Di conseguenza, oggi, doppia recensione! Non vedevate l’ora, eh? Eh lo so, nemmeno io… Chissà dove ho lasciato gli occhiali!
Buffonata a parte, oggi vi voglio veramente parlare di due libri: uno è “La regina degli scacchi” di Walter Tevis, edito da minimum fax e l’altro invece è “Slammed” (in italiano, “Tutto ciò che sappiamo dell’amore”) di Colleen Hoover, edito da Simon and Schuster (Fabbri, per quanto riguarda l’edizione italiana).

RECENSIONE #9 - Gente di Dublino, James Joyce

TITOLO: Gente di Dublino AUTORE: James Joyce 
CASA EDITRICE: Mondadori PREZZO: 7,65€ 
RECENSIONE
Gente di Dublino è una raccolta di racconti, quindici per l’esattezza, scritti da James Joyce dal 1914 al 1917.
Tre anni per scrivere dei racconti e due settimane circa, per me, per inveire amabilmente nei confronti del caro vecchio James.